Edizioni Zero Bologna – Rob Zombie e Marilyn Manson @ Unipol Arena (BO)

rob-zombie-marilyn-manson-unipol-arena-live-bologna12 dicembre 2012 – Immaginate la fine degli anni ’80. La guerra fredda volge al termine, così come la trilogia di Ritorno al Futuro.  Umberto Tozzi e i Duran Duran impazzano nelle radio mentre i bambini giocano col Grillo Parlante. Ecco. E’ in questo contesto di edonismo colorato che negli Stati Uniti escono i primi album di Rob Zombie (al tempo con i White Zombie) e Marilyn Manson. Alternative rock metal il primo, più industrial il secondo. Entrambi però parlano la stessa lingua. Quella di un immaginario cupo e secco che prende alla sprovvista i cotonatissimi rockettari di quegli anni. Capiamoci, di dark e goth ce ne erano già, ma con questi due non si scherza, e l’industrial diventa affare mondiale. Il primo viene da una adolescenza segnata dalla passione per l’horror e il metal che lo ha portato anche a girare film capolavoro come La Casa dei 1000 Corpi e Devil’s Rejects. Il secondo ha avuto l’infanzia mutilata da un nonno zoofilo e pederasta che gli prestava eccessive attenzioni. Entrambi hanno incanalato nel metal più sperimentale le loro sensazioni più torbide fino a professarsi (Marilyn) il vero anticristo. Vedremo che ruolo avranno nella imminente fine del mondo. Nel frattempo ce li godiamo entrambi live a Bologna. Un buon modo per dare l’addio al 2012 e alla nostra innocenza.


12 dicembre 2012
Unipol Arena (Casalecchio Di Reno)
Via G. Cervi, 2 – Casalecchio Di Reno
€ 50/40 + d.p.
19:00

Danilo di Capua

(Leggi e spamma da qui l’articolo originale)

Edizioni Zero Bologna – Brian Jonestown Massacre a Vicolo Bolognetti

brian-jonestown-massacre19 giugno 2012 – Da più di vent’anni i Brian Jonestown Massacre fanno sentire un inetto chiunque provi ad avvicinarsi alla musica. Il folk rock di Anton Newcombe & Co. sgomita con prepotenza tra la neopsichedelia e il pop più graffiante, attraverso una ricerca della “sonorità perfetta” che forse ancora deve trovare il suo Sacro Graal. Tra risse ebbre di frustrazione per un talento non riconosciuto a livello globale, arresti vari, oltre 60 cambi di formazione e una discografia da riempire un Billy Ikea, i freakkettoni postmoderni di San Francisco ci hanno regalato una nuova gemma, “Aufheben”, dal tedesco “raccattare”. Quello che succede dopo aver spaccato.

19 giugno 2012
Quadriportico di Vicolo Bolognetti
Vicolo Bolognetti, 2
Bologna
21:30

aggratise

Danilo di Capua

(Leggi e spamma da qui l’articolo originale)

Edizioni Zero Bologna – GOMEZ live all’Estragon

gomez-bologna13 aprile 2012 – Avevo promesso a mia mamma di non ascoltare più indie rock. Le avevo anche promesso di smettere col chinotto, in effetti. Sulla seconda ci lavorerò, ma la prima la vedo dura: arrivano i Gomez in città. Loro però credo facciano eccezione, dai. Niente accordi dissonanti e caschetti sbarazzini, ma solo 100 gr di blues, 150 di britpop, elettronica quanto basta e una manciata di nostalgia beatlesiana. A fuoco medio per sei album. E via andare. La ricetta dell’amore. O di un gran bel disco. O dell’amore per un gran bel disco. Fate voi. Rimane il fatto che non uscirete da questo live a pancia vuota.

13 aprile 2012
Estragon
Via Stalingrado, 83 – Bologna

€ 20
22:00

Danilo di Capua

(Leggi e spamma da qui l’articolo originale)

Edizioni Zero Bologna – Bologna sta nel MUCCHIO!

bologna-sta-nel-mucchio

3 aprile 2012 – C’era una volta il mondo delle fanzine musicali. Appassionati di musica di ogni genere si sbattevano come pazzi per editare stampe a ciclostile nei garage dei sobborghi urbani, alimentando avidamente la loro sete di conoscenza al grido di “do it yourself!”. C’era una volta, si diceva, e c’è ancora. Perché dagli anni 70 il Mucchio Selvaggio aiuta tutti gli entusiasti di musica (e non solo) ad approfondire, conoscere, criticare e ascoltare tutto ciò che la scena (inter)nazionale propone.

Un astuto osservatore musicale e culturale che sotto la guida di Max Stefani ha unito in una sola testata fanzine, mensile di informazione, approfondimenti e posta del cuore. I recenti tagli all’editoria hanno però messo a dura prova la sopravvivenza della rivista, e per questo motivo da qualche settimana vengono organizzati eventi in tutto il paese per dare nuova linfa e spolvero a questa italica bibbia dell’underground.

Dopo Torino, Roma, Firenze e Cosenza sta a Bologna dare il proprio contributo alla causa. Al Locomotiv si sono dati appuntamento musicisti del calibro dei Massimo Volume, Angela Baraldi, Beatrice Antolini, Offlaga Disco Pax, Iosonouncane, 33ore, Simona Gretchen e tanti altri. Sarà possibile sostenere la causa sottoscrivendo abbonamenti o anche solo stando in piedi davanti al palco urlando la propria solidarietà. Loro se potessero lo farebbero per voi.

Locomotiv Club
Via S. Serlio, 25/2 – Bologna
€ 5 c. tess.
22:00

 

Danilo di Capua

(Leggi qui l’articolo originale)