Ho scoperto il mondo dei video pre-diciottesimi e ora non ho più una vita

Leggo la pagina politica del giornale on line con lo stesso stato d’animo di un cestino per la raccolta differenziata. So che dovrei aspettarmi un comportamento etico e responsabile e invece riceverò solo assorbenti usati non adeguatamente impacchettati e cartacce di kebab piccante. Non che abbia niente contro i kebab piccanti, ho un sacco di amici kebab piccanti, però ecco se devono arrivare qua a importunare i nostri processi digestivi possono tranquillamente tornare da dove vengono.

C’è il sole ma non abbastanza per goderselo. Mi annoio come un attore porno in un video della Tommasi e quindi decido di trovare qualcosa che renda gloriosa la giornata. Lo trovo grazie ad un link di un tipo che non conosco e che forse non smetterò mai di odiare e amare, un po’ come il punkabbestia di Brindisi che mi rivende la bici che mi ha appena rubato, ma ad un prezzo vantaggioso e ci aggiunge anche dell’ottima ketamina. Il fatto è che subisco da sempre il fascino dei neologismi come lollare, taggare, disforico, esodato, Letta premier. Annuisco mentre le leggo sicuro di capirne il significato e talvolta me li rigioco pure senza maneggiarli ancora troppo bene: “Grande zio, ‘sto esodato virale ti ha taggato in un sexting troppo lol, loggati come Letta premier e risp asap”. Mi sento al passo coi tempi e soprattutto per comprare droga dai ragazzini fuori dalle medie devi parlare la loro lingua che già ti inculano alla grande poi almeno l’agghiunta te la meriti come quando vai all’estero e acquisti sigarette sfuse dagli ambulanti parlandogli nella loro lingua primitiva e loro sono felici perchè ti vuoi integrare e te la accendono gratis. Allora vengo rapito dalla parola prediciottesimo.

pre-diciottesimo

Insomma il destino mi ha formalmente introdotto al fenomeno dei prediciottesimi. Per chi avesse troppe cose da fare nella vita reale per accorgersi di questi capisaldi della cultura pop, i video per i prediciottesimi sono montaggi di fotografie e brevi video fatti a ragazzini in procinto di raggiungere la maggiore età, che li ritraggono mentre in pose suggestive ammiccano alla camera per mostrarsi maliziosi abbastanza per entrare nel mondo dei grandi. Mondo dei grandi che evidentemente è immaginato da queste persone come una sudatissima Gomorra dove mostrarsi nude e vestite da zoccole rumene è segno di raffinatezza e avere 40 kg in più del livello di obesità standard è considerato segno di benessere, fertilità e buon auspicio.

pre-diciottesimo-2

Ne ho visti un buon numero, o almeno sufficiente per capire la dinamica standard. Questi ragazzetti vengono immortalati nelle location più assurde (montagna, campagna, ranch, soffitte, sentieri, super-io) con i vestiti della festa, e si presentano con sguardoni felini alla maggiore età, al mondo delle patenti B degli alcoolici di papà e della pornografia più matura.  Erica ha detto che più che Super Sweet Sixteen siamo il Paese del Super Sweet Sex-teen e forse non posso darle torto. Dice anche che più che il sabato del villaggio siamo alla nebbia agli irti colli. Io quando ho festeggiato i diciott’anni ero così fatto che ho cercato di strappare un limone alla cassiera del club che in realtà si è poi scoperto essere un manichino di Carmen Electra che reclamizzava una bibita alla frutta. Probabilmente faccio parte di un Medioevo grigio dove ottenere i 15 minuti di celebrità era una chimera oggi più raggiungibile di un pompino al cesso di una discoteca pomeridiana. Però tant’è. Condivido con voi solo una minimia selezione dei video migliori. Sappiatemi dire. O mandatemi i vostri. E tanti auguri.